18 febbraio: Antonella registra i fiori del verde pubblico di Modena

“Oggi è il 18 Febbraio e stamattina in una zona abbastanza riparata , nonostante la temperatura fosse sottozero ,ho visto una Cydonia con alcuni fiori già sbocciati , secondo me con anticipo di almeno venti giorni . La ricordo infatti sempre fiorita insieme alla Forsithia che ha accanto in un periodo compreso tra il 15 e il 20 marzo . Anche il Viburno Tino, quasi completamente rosso per via dei boccioli , comincia ad aprire alcuni fiori ma questo è meno insolito , ricordo infatti di averne visti di fioriti anche in Gennaio .Si stanno preparando anche gli olmi e gli aceri saccarini . ” Antonella

Antonella è una mia ex collega del verde (pubblico) Anzi io sono sua ex perchè lei è rimasta nel settore, mentre io ho cambiato lavoro. Lei oggi si occupa di coordinare e controllare una parte dei lavori che il comune appalta o affida alle associazioni di volontariato. Da lei posso avere almeno saltuariamente annotazioni sul calendario fenologico delle piante così di anno in anno si può eventualmente controllare se ci sono significative variazioni, perchè ho notato che la memoria inganna se non c’è annotazione scritta.

6 Febbraio : la lettera di Antimo di ADEA sugli olivi e sulle potature

Ciao Rita,
è diverso tempo che non ci sentiamo. La primavera è da poco iniziata.E il lavoro sugli alberi si fa più serrato. Sto preparando un articolo su Jacques Brosse,il grande maestro della ???mitologia degli alberi??? e ???la magia delle piante??? scomparso nella prima settimana di Gennaio a 86 anni nella sua Dordogne. Stamattina ho assistito con grave sdegno e rabbia, a Roma, alla potatura di un bellissimo viale di olmi in fiore.(Ho fatto dei video, scriverò degli articoli, ma per ora sembra non basti???.)
Sdegno totale : non si possono potare radicalmente gli alberi quando sono in fiore. Fiori piccoli, rossi, discreti. I potatori eseguivano degli ordini, se al posto degli olmi in fiore ci fossero stati dei ???cristiani??? forse ugualmente non si sarebbero posto il problema di quello che stavano facendo. A Roma si potano selvaggiamente gli alberi tutto l???anno e questo per mandare avanti i due impianti di compostaggio, costati miliardi e che producono altrettanti guadagni miliardari ( il compost viene venduto partendo da costo zero, pensa che la materia prima – gli stralci delle potature- non solo sono ???gratis??? ma chi li porta deve anche pagare per lasciarli – un carico costa 150 euro!). Quando si potano gli alberi in fiore e nessuno dice niente ( o meglio se ne accorge) vuol dire che è forse giunta l???ora di cambiare qualcosa.
Per ciò che riguarda gli ulivi, mi son capitati (o meglio mi si son presentati in maniera del tutto casuale) gli opuscoli di una mostra tenuta a Roma qualche settimana fa sugli ulivi con il testo della legge approvata per la salvaguardia degli ulivi monumentali della Puglia. Una legge importante! se vai al sito www.segretiscolpiti.com avrai maggiori informazioni. Ti segnalo infine ( e metterò il tuo sito tra i link) la nascita di un coordinamento sulla difesa degli alberi urbani con un blog www.legalberi.blogspot.com . aperto a contributi.
Un blog e il movimento che ne stà nascendo che a questoi punto sembra sia diventato ineluttabile???
Antimo