Il 25 Aprile Francesco ha lavorato nell’orto, il giorno prima Sally aveva trapiantato delle zucchine

  1. 25 APRILE
    Oggi ho innaffiato le piantine non ancora piantate ed ho avviato l???irrigazione delle piante alle ore 17.00 per 2 ore.
    (Alle 13.00 ho approfittato dell???apertura del ristorante della fattoria Cento Fiori ed ho degustato un ottimo pranzetto).
    Ci vediamo domani per piantare le restanti piantine.

    Commento di Francesco ??? Aprile 25, 2008

20 Aprile : una rondine non fa primavera e dopo due settimane…

La rondine solitaria della mia casa ha trovato compagnia. Una rondine è arrivata alla mia casa due settimane fa circa e sono stata preoccupata per lei, perchè era sola. Avevo visto altre rondini in giro per la campagna e le strade, singole o a due , tre. Questa rondine della casa: sola, sul filo del telefono ha chiacchierato per diversi giorni, ma con chi? nessuno della sua specie in giro qui. Solo piccioni, tortore ghiandaie, gazze, picchi , cinciarelle, storni a caccia di paglia per i nidi. Ma lei sul filo a chiacchierare e poi a fare voli anche col brutto tempo e il freddo. Infatti fino a ieri per qualche ora ho tenuto il riscaldamento acceso per il vecchio di casa e fino a giovedì scorso ho visto i pettirossi della casa. Una rondine non fa primavera…. se c’è quel proverbio sarà vero che le rondini viaggiano anche da sole…o forse il patner o la patner della nostra rondinella è caduto nel viaggio e lei ha dovuto tornare da sola.Ma oggi è arrivata la compagnia e la rondine è più contenta e garrula del solito: le rondinelle arrivate sono due e come al solito ci sarà battaglia per fare coppia, speriamo in nuovi arrivi dal momento che nella casa adesso i nidi sono 3: uno sotto il portico per quelle che preferiscono la compagnia degli uomini, uno in bilico su un asse della casa in ristrutturazione dove purtroppo l’anno scorso un piccolo è caduto dal nido prima del tempo delle prove di volo, e il terzo nido vecchio e mezzo distrutto dalla fitta prole dell’anno scorso sempre sotto il portico. I nidi in questo fabbricato sono cresciuti nonostante qui non ci sia la stalla con le mucche, e sono cresciute le rondini anche presso il contadino vicino. Barbolini mi ha detto “dicono che calano e invece sono cresciute di numero… hai visto Rita?” Ma io credo che siano cresciute da noi perchè sono aumentate le ristrutturazioni e il mio paese sta diventando un paese con molti edifici e meno contadini: costruendo le palazzine, avranno distrutto le vecchie case e le stalle e loro riparano da noi, ultimo avamposto di case vecchie. Un saluto speciale a tribolacri

inizia su questo blog il diario dell’orto biologico della fattoria centofiori di Marzaglia

CARI AMICI ORTOLANI , sono due giorni che piove, quindi i paventati problemi di siccità sono al momento scongiurati.

Alcune semine, nonostante non ci abbiamo azzeccato il primo giorno con la luna di Steiner, sono nate, sembra che vadano bene spinaci e rucola, ma un po??? anche in diverse altre aiuole sembra spuntare qualcosa.

Un breve aggiornamento sul resto.

Sabato scorso era molto brutto , quindi fino all???ultimo non si capiva che fare; alla fine 3 coraggiosi ma indefessi ortolani (Susanna, Francesco e Bianca Maria) si sono presentati e hanno fatto un gran lavoro; nei giorni precedenti erano state stese le file di bio-film pacciamante biodegradabile in amido di mais, con l???impianto di irrigazione sotto, quindi il lavoro è stato quello di segnare sulla linea di mezzeria la distanza tra pianta e pianta (sono nel foglio di excel che vi ho inviato, aprire un piccolo taglio a croce nel film e metter giù nel terreno la piantarola; complimenti a Francesco che ha magistralmente condotto le operazioni .

I 3 coraggiosi son riusciti in un pomeriggio a trapiantare le piantarole di pomodoro ciliegino e San Marzano (una fila intera, circa 250!!), concimandole con alcuni granini di stallatico e poi hanno innaffiato ogni singola pianta (d???ora in poi non sarà più necessario perchè sotto c’è il manicotto per l’irrigazione automatica).

Per innaffiare le semine a spaglio, poiché la gomma non arriva a coprire tutta la lunghezza dell???orto, Mario di Rinatura ha ordinato un altro rotolone di gomma , che dovrebbe arrivare tra qualche giorno .

Ricordo che :

le chiavi dello sgabuzzino sapete dove sono . Con quelle si apre la porticina grigia, si puo tirar fuori la gomma, attaccarla al rubinetto e innaffiare, oppure prendere semi o attrezzi.

RICORDA BENE: per aprire il rubinetto della fontanina occorre far fare uno scatto alla manopola a muro nello sgabuzzino (è quella inferiore)

Se vuoi aprire l???impianto di irrigazione: oltre alla manodopola inferiore apri anche quella superiore, girando la freccina del timer sul numero di ore che desideri che vada l???impianto (esempio: 2 = 2 ore) .

Il bagno del casotto in fondo è semre aperto e l???acqua è potabile

LAVORI DA FARE :

Nello stanzino ci sono ancora diversi plato’ di piantarole da trapiantare, che potranno essere il lavoro di sabato prossimo. Ci sono ancora piantarole di pomodori tipo ???Roma??? , finocchi, cavoli, lattuga, indivia , cetrioli . Se ne rimangono alla fine della giornata sono da innaffiare con la brocca nei plato???.

Da fare ci sarebbe anche : sistemare i cartellini mal ridotti e fare i nuovi ; nell???ufficetto ci sono diversi cartellini in legno o in plastica che si possono riutilizzare, con dell???alcool si possono cancellare le scritte che non vanno bene.

Se si vuole, visto il buon risultato degli spinaci, consiglierei di seminarne un altro po??? da quel sacchettino che è rimasto.

riutilizzando le vaschette di plastica delle piantarole si pssono creare delle altre seminiere, in cui seminare i semi delle piantarole che saranno pronte da trapiantare per il ???2° giro???, ovvero con scalarità rispetto a quelle trapiantate adesso; potrete seminare, ad esempio, zucche, peperoni, angurie, melanzane.

Ricordo di annotare le vostre presenze sul ???diario del volontario???, che vi ho inviato con foglio elettronico di excel , che annoterà le cose fatte , ore e data. Chi non ce l???ha glielo rimando; ricordo a Susanna l???agenda . Si accettano altre proposte e consigli . Per le settimane a venire ci sarà da seminare le altre piantarole, più sensibili al freddo: zucchine, meloni , melanzane, peperoni, zucche, angurie. Con chi può ci si vede il prossimo sabato pomeriggio, sempre più o meno dalle 14 in poi. Io spero di esserci , è davvero un periodo molto difficile , tra trasloco, figlio e partenza per l???Africa. Consiglio di prendere delle scarpe da lavoro o degli stivali; la terra sotto il film è asciutta, mentre negli interfila sarà ovviamente fangosa . Sabato ci sarà anche un giovanissimo studente della Scuola Agraria Spallanzani di Vignola , viene a imparare come si fa l???orto in comune ………..ci crede espertissimi ………ma già un po??? lo siamo ……. Infine……………Vi allego i numeri di telefono e le mail di tutti gli amici ortisti, venuti o interessati, cui sono da girar le mail per quesiti, proposte ecc.

Vi ricordo che Centofiori è come un parco , quindi è vostro , siete a casa , cum grano salis non dovete chieder a nessuno se potete…….. POTETE !!!

Tutti quelli che sono interessati possono venire senza timori quando vogliono; ci si può inserire, infatti, in qualsiasi momento e con qualsiasi disponibilità di tempo.

TRAPIANTO DELLE PIANTAROLE: RIPASSO

Attrezzi necessari (portateli se le avete !!) :

cutter

metro

trapiantatoio o palettina o foraterra o basta un comune e volgare bastone appuntito !!

innaffiatoio

carriola x trasportare il concime

alcuni cartellini

Le operazioni sono molto semplici:

procurarsi un metro e segnare su una cannetta la distanza standard (es cm 60 per le melanzane) su una cannetta , che farà da distanziatore

prendere la piantarola dalla cassettina (per esempio si comincia dal pomodoro)

fare un taglio sul telo , in croce (di circa 10 cm x 10 cm) stando attenti di non tagliare la sottostante manichetta idrica.

Fare un buchetto con il foraterra

Collocare nel buchetto la piantarola con il suo panetto di terra

Ricoprire leggermente il panetto di terra, pressandolo LEGGERMENTE in modo che la terra sia aderente al panetto

Mettere un paio di grani di stallatico pellettato intorno alla piantina

Innaffiare appena appena

Mettere i cartellini per le varie specie.  MARCO