sabato 27 marzo: all’orto di Marzaglia e Consociazioni

sabato abbiamo proseguito con l’orto sinergico, in particolare preparando altro terreno e  con l’impianto di irrigazione e semina di carote. A che cosa si consociano le carote?
Abbiamo un testo o una fotocopia con le consociazioni?

Nei due filari  abbiamo seminato altre fave, fagiolini bobi, lattuga regina dei ghiacci, mais da pop corn.

Non eravamo molti, per cui dobbiamo sollecitare a partecipare.
La amica argentina di Laessandra Bettini ha innaffiato le sementi dell’orto dei bambini, diserbato l’orto dei bambini.

Ho ordinato (e sono in arrivo domani) reti da pisello, e sementi per i bambini, e anche credo che Leo cercherà di comprare qualche attrezzino.
Domani sarà fatto una lavorazione di erpicatura e affinamento e nei prox giorni sarà messo giu’ il biofilm e l’impianto di irrigazione.

E le fragole …che fine han fatto?

Riesci a scrivere un articoletto e a farlo girare?

Quando ci troviamo ancora ? Io sabato non ci sono, vado nel delta del Po. Però penso di esserci giovedi pomeriggio dalle 18 in poi.

Ciao
Marco

Da Rtia in risposta

caro Marco e cari ortisti, dai che la primavera arriva e tra un po’,  dopo che saranno collocati i film di mais, potremo porre finalmente fine a semina, piantagione e trapianto. più o meno dopo pasqua saremo in piena esigenza di lavoro per queste operazioni e dopo rimmarrà il veder crescere, il diserbo, il sorvegliare i parassiti e il bisogno di irrigazione

Quest’anno l’orto sinergico ci prende molto, è un esperimento e non sappiamo quanto produttivo, ma nei nostri orti comuni non si seminano solo ortaggi, ma anche idee e gesti per tornare in contatto con le nostre radici.

Scusate le chiacchiere, come mi ha suggerito Marco vi invio le consociazioni:

Carote precoci stan bene insieme alle cipolle

Carote tardive insieme ai porri I pomodori stanno bene col prezzemolo o col sedano

I cavoli vogliono i fagioli nani

Insalata sta bene coi  ravanelli

gli agli stan bene coi pomodori oppure coi cetrioli e le carote

la cicoria sta bene accnto ai pomodori

le patate stanno bene coi cavoli

le zucchine non hanno antipatie, ma crescono bene con cipolle, fagioli, rape rosse

Bietola sta bene vicino ai cavoli oppure alle carote oppure ai ravanelli o ai fagioli nani.

Non mettere vicino

cavoli +fragole  NO

cavoli +senape NO

aglio+ cavoli    NO

cipolle + cavoli  NO

cipolle +fagioli  NO

Cipolle+piselli NO

aglio + fagioli  NO

patate + sedano NO

patate +pomodori NO

patate + zucche NO

patate + piselli  NO

Queste sono solo alcune delle consociazioni suggerite o vietate

Vi cito la fonte:

di Marie Louise Kreuter

Orto e Giardino biologico

della Giunti edizioni a pag 77fino a pag 81

Avrete una fotocopia al capanno attrezzi

Va bene il prossimo appuntamento per giovedì 1 Aprile dalle 17 in poi.

Poi ci rivedremo in gruppo dopo pasqua  a corsie di film già fatte e pronte per le piantarole.

Va da sè che ognuno va all’orto quando lo desidera, senza convocazione o coi propri amici. Noi ci convochiamo ogni tanto per fare il punto.

Metterò questa mail sul blog WWW.ritadeglialberi.it  categoria orto biologico (titolo a destra sotto le categorie, potete commentare) o se volete chiedere il login per scrivere articoli a questa categoria.

Per quelli che lo vogliono giovedì raccogliendo i 5 euro necessari, vado a doppiare le chiavi del nostro ufficio.

Uno dei nostri capi onorari Francesco Allegretti è al suo paese in puglia e rimane per Pasqua. Buone vacanze a lui e a tutti quelli che vanno in giro in questo periodo A dopo.

24 Marzo: fiorita la scilla blu, avvistato un passero mattugia ai piedi del grande pioppo di via Ponte alto Nord

e il giorno dopo, il 25 marzo i passeri mattugia avvistati sono quattro e volano tra la siepe di lauro ceraso e gli alberi e la siepe autoctona di casa Berselli.

Intanto i fiori dell’albivocco possono finalmente aprire i petali, il prungnolo selvatico ha i bocciolini bianchi già pronti, si disperdono i pollini dei pioppi e la forsitia delle strade finalmente e tutta gialla. Nei prati margherita e veronica, ma non riesco ancora a odentificare quella pianta piccola e verde dai fiorellini bianchi che poi fanno fagiolini.

Il 16 marzo le ho visitate:Le api sono in giro!Il polline che raccolgono: quello dei fiori della veronica (gli occhi della madonna)

Purtroppo la fioritura dell’olmo è in parte andata, le api vanno a Veronica. Quante ne sono morte per la varroe! Il nostro apicoltore era triste e scontento di se. Voglio imparare tutto da lui. Il 9 aprile ci sarà il primo laboratorio alla fattoria Centofiori.

Nel giardino delle erbe germoglia da terra il finocchio selvatico, l’achillea millefoglie, la melissa, l’aglio, il rumex, la menta piperita e la mentuccia  Provo a potare l’artemisia assenzio ….

Ho raccolto per i bambini i semi del lillà e dell’ibiscus nel giardino delle farfalle. Ho visto nel mio giardino molte cince in eccitazione, nella siepe finalmente ho avvistato un passero.

Oggi 9 marzo 2010: ancora neve e tempesta

Sono ferme le gemme ingrossate e in apertura di aceri negundi, olmi, lillà, meli giapponesi. Hanno sospeso la distensione.I Pollini di noccioli, libocedri e tassi  sono già andati,  abituati loro, a sbocciare quando ancora fa freddo, portati più dalla pioggia che dal vento. Dal 10 dicembre  a oggi solo poche ore di sole in poche giornate. Non so immaginare il lungo inverno delle comunità di api dentro le arnie, già ridotte dalle terribili varroe, in più a combattere con questo persistente freddo quando già potrebbero godere dei primi fiori di campo, del polline dei fiorellini di olmo….Gli uccelli inziano nonostante tutto qualche volo di corteggiamento, poi si disperano e si avvicinano alle case per le briciole. Sabato alla fattoria Centofiori abbiamo raccolto le pote, cresciute al punto giusto per essere gustate ma le loro foglie erano in parte annerite dalla gelata notturna di venerdì. Quando fiorirà il lillà (syringa vulgaris) allora si potrà dire che la primavera è iniziata: il lillà è una pianta segnalatrice della primavera.

Il gelsomino giallo coraggioso è fiorito lo stesso ( avevo già scritto di un parziale anticipo). Ora è in piena fioritura, ma i suoi petali  sono quelli di una farfalla gialla alla fine dei suoi giorni.

Leggendo la pagina 6 marzo dell’anno precedente, scopro che il gelsomino giallo cominciava solo allora a fiorire, mentre quest’anno era già partito nell’inverno. Avevo già notato negli anni passati l’irregolarità delle sue manifestazioni sicuramente  non legate all’avanzare della primavera.