Al di qua della botanica: per accompagnare le bambine ei bambini nella esplorazione del parco.

Per elaborare progetti con le insegnanti e i bambini durante l’anno scolastico.

da Ottobre 2008

 

  1. Si possono semplicemente seguire i loro interessi e quello che loro esprimono passeggiando nel luogo
  2. Talvolta a partire dai loro interessi si possono rivolgere domande  e guidare osservazioni
  3. Si possono raccogliere reperti. Foglie, rami, pezzi di legno, zolle e sassi, fiori, bacche
  4. Si possono tenere in sezione cassette o ceste continuamente aggiornate di materiali vegetali da destinare alla manipolazione e al gioco libero
  5.  Inoltre si possono avviare esperienze  o attività con materiali selezionati e consegne precise

 

Strumenti della guida:

forbice allungata per i rami alti

cesoie da legno per trasformare i rami e i legnetti nella misura voluta

lente di ingrandimento per guardare da vicino fiori o insetti o  nidi di piccola misura

paletta per campioni di terra o per scavare  (vanga)

 

I bambini possono avere :

ceste

forbicette

palette

secchielli

sacchetti trasparenti

 

se i loro interessi andranno verso i fiori:

  • si possono vedere gli insetti presenti e il lavoro che fanno
  • notare  con la lente le differenze tra fiore e fiore: i settembrini ad esempio  hanno in questo periodo, nella stessa pianta fiori ai diversi stadi. Si può suggerire ai bambini e alle maestre di portare a casa due o tre rami di settembrini e vedere la trasformazione del fiore in classe lasciandolo seccare e diventare un piumino ricco di semi che volano, mentre la pianta si secca completamente.
  • Si può suggerire di venire a primavera con la paletta a prendere qualche pianticella di questo tipo di fiore e trapiantarla in giardino per riprodurre un pezzettino di parco nel proprio giardino, non prima di aver osservato quali insetti (api, vespe, farfalle, bombi) scelgono questo fiore, perche mettere fiori in giardino vuol sempre dire richiamare gli insetti ad essi alleati

 

Se i loro interessi andranno verso le piante: (cespugli, alberi, cespugli a siepe, piante acquatiche)

  • Fare descrivere a loro le differenze  di foggia e di forma
  • Giocare con le siepi a nascondersi e rincorrersi
  • Dare un nome che ci aiuti a ricordare la pianta esplorata e a vederla nelle stagioni successive (si può mettere un contrassegno col nome assegnato) Si possono adottare alcune piante che si trovano interessanti e restringere il  campo di osservazione ad  alcuni  individui  da contattare  periodicamente
  • Si può suggerire ai bambini di osservare e se possibile raccogliere  oltre alle foglie le altre ???cose che si trovano sui rami (semi o frutti dalle diverse fogge, altre creazioni (galle, protuberanze,bozzoli, pupe etc )
  •  per le galle e le strane creazioni che si trovano sugli alberi: si possono raccogliere ma è meglio metterle in bottiglie trasparenti senza tappo , ma tenute chiuse da tulle ed elastico in modo che se nascono gli insetti  si possano osservare un attimo prima di liberarli, senza che invadano l??? aula scolastica. Queste case degli insetti vanno tenute all??? aperto a temperatura ambiente per non variare le loro naturali fasi di nascita e crescita. Si potrebbero anche ricreare in teche apposite, le ambientazioni simili al luogo da dove li abbiamo raccolti per osservarli.
  • I semi secchi possono essere raccolti  in gran quantità sia per l???uso libero che per abbellire eventuali composizioni. Qualche campione di seme secco può essere tenuto in busta  trasparente o scatola da osservazione. Ricordarsi di andare coi bambini a rivedere in primavera almeno una pianta di quelle che in questo periodo offrono semi secchi (un acero, un frassino, un carpino,  una quercia). Sarà la guida a ricordare e anticipare il fenomeno alle maestre???
  • I frutti possono essere raccolti, sezionati, separati dai semi. Per questi penso non sia necessario il consiglio della guida, perche sono più conosciuti???Ricordarsi comunque di andare a osservare almeno uno o due alberi da frutta in primavera per vedere la trasformazione del fiore in frutto (per esempio la siepe di prugnole accanto al viale del gazebo delle rose o la vigna per vedere se anche la vite ha un fiore a primavera..) Ci sono piante che fioriscono prima di emettere nuovi rami e foglie. Piante che fioriscono contemporaneamente alla crescita vegetativa primaverile, altre piante preparano le loro infiorescenze dopo che i nuovi rami sono formati. Le insegnanti osservino questa differenza  senza anticiparla ai bambini. Anche per gli insegnanti si aprirà un mondo delle meraviglie???
  • ?? sempre possibile seminare in cassette o vassoi e poi stare a vedere???

 

Se  gli interessi dei bambini andranno verso la terra

  • Si osserveranno le crepe nel terreno
  • La consistenza della terra nelle vicinanze dell???acqua
  • Si guarderanno buchi o tracce che segnalano la presenza degli animali e si faranno delle ipotesi
  • Si possono prendere campioni di terra  dove non crescono piante e campioni di terra in cui sono cresciute piante erbacee: si possono cercare lombrichi, piccoli insetti???immergere le zolle nell???acqua e distinguere una pianticella dall???altra , che poi possiamo trapiantare in una cassetta e tentare di allevare nel giardino della scuola. Se dopo aver immerso la zolla  nell???acqua alcuni abitatori scappano e rischiano di annegare, possiamo con un bastoncino portarli in salvo e  liberarli  (non aggiungo niente su un eventuale terrario, perché nelle scuole e già conosciuto e sperimentato dalle insegnanti)

 

 

 

La Cooperativa Rinatura vi propone in questo periodo di seminare un po??? di grano  nel parco, nel sito  dove quest??? anno si seminerà grano.

Potrete venire così a osservare le pianticelle da voi seminate  e l???intero campo. Sarete inoltre avvisati delle altre seminagioni, riceverete da noi un campione dei semi seminati durante l???inverno e la primavera nel parco e così potrete sempre osservare i cambiamenti nelle lavorazioni agricole.

 

E??? compreso nel prezzo del laboratorio un incontro formativo di due ore per le insegnanti che lo desiderano, magari una sola per sezione, in orario che concorderemo insieme,  dove vi verrà spiegato in modo succinto come vive, cresce e si riproduce un vegetale , qualche nozione e qualche stimolo per voi per potere avere la serenità di chi è competente in materia di fronte alle domande imprevedibili dei bambini. Non si affronterà la classificazione botanica che può servire agli esperti, ma  si osserveranno gli esseri vegetali come esseri viventi peculiari, nelle loro manifestazioni più ovvie ed evidenti, nelle loro alleanze di vita con gli altri esseri viventi (funghi, insetti, animali, umani)

Ai bambini si può sempre chiedere ciò che vedono e le opinioni che ne traggono  e così possiamo fare anche noi  con la stessa freschezza e apertura mentale.

Dare agli insegnanti qualche  preliminare informazione  corretta può aiutare perchè la  cultura comune sui vegetali e la loro vita   è intrisa di luoghi comuni dovuti all???uso che ne facciamo, ai modi di dire in funzione di ciò, ai pregiudizi maturati da tempi lontani.

 

 

 

 

PER FARE

 

  • Ogni albero un tappeto autunnale diverso (foglio, vinavil, foglie di un solo albero)
  • Frottage coi colori d???autunno applicati alla struttura della foglia
  • Ricalco su lucido di foglie
  • Ricalcare con gessetti o carboncino le corteccie
  • Opere astratte  valorizzano la struttura di semi particolari
  • Sculture  o piccole costruzioni con bastoncini e creta
  • Stampe con sezioni di frutta
  • Ikebana sulle mezze patate
  • Natura morta fotografata
  • Centro tavola per il pranzo
  • Fotografia individuale attraverso cornice
  • Foto di un albero o di una siepe o di un cespuglio o di una pianta erbacea nelle diverse stagioni
  • Semenziai
  • Terrari
  • Trapianti
  • Erbari con foglie secche e semi
  • Disegni  a matita o a colori
  • Raccolta di galle, nidi, bozzoli, pupe???

 

 

 

Sarà interessante aggiungere a questi spunti i vostri . E??? gradita la vostra documentazione o qualche foto delle attività e dei prodotti dei bambini. (foto di mani e bimbi  al lavoro non riconoscibili dai volti)

Potete sempre  confrontarvi, discutere  dialogare con Rita  tel  3402318989 o per e-mail  rita@ritadeglialberi.it  Presso la Cooperativa Rinatura  potete sempre consultarvi con Marco Sassi 059331065 e per e-mail : marcosassi63@libero.it

 

Su www.ritadeglialberi potete lasciare un commento sotto l???articolo ???I bambini alla scoperta del parco campagna??? Appena posso vi risponderò.

 

 

 

 

 

 

 

One thought on “Al di qua della botanica: per accompagnare le bambine ei bambini nella esplorazione del parco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *