Una mostra fotografica sul risveglio degli alberi. Museo della Bilancia di Campogalliano Modena dal 2016

Schermata 2016-08-31 alle 07.45.38

Questa mostra è dedicata al risveglio primaverile degli alberi

Le istantanee sono state scattate sulle gemme, sui germogli di ramo e sullo sbocciare dei fiori.

Nei primi pannelli sono presenti con i germogli dei rami, i fiori del vento: quelle infiorescenze che sono già composte di fiori propriamente detti, in quanto proteggono gli ovuli in una camera, ma non hanno petali colorati o profumi percepibili all’uomo.

Le piante sono apparse circa 345 milioni di anni fa, accanto a loro erano già presenti popolazioni di libellule, scorpioni, lumache… Le piante coi fiori insieme agli insetti impollinatori, hanno cominciato ad apparire solo 180 milioni di anni fa , comunque, milioni di anni prima della comparsa dell’uomo… Ma anche poche istantanee mostrano la ricchezza dei modelli di crescita e forma, la variabilità dei tessuti e la loro efficienza, il pluralismo dei comportamenti e delle strategie di vita.

La mostra è  composta da 18 pannelli 70X100 rigidi da appendere con ganci e catenelle. Il testo in bianco è un racconto e il testo rosso una digressione specifica per il pannello. La mostra funziona anche con un numero inferiore di pannelli perchè ogni pannello ha una sua autonomia.    Disponibile per le scuole una versione a “presentazione a video”   

  

La fioritura del corniolo al parco Pan, a Freto di Modena

Riatagli di sole prima della primavera

Si parla molto in questi mesi di “inverno saltato”, clima troppo caldo, ma dopo un inverno dal sapore di autunno e senza pioggia, ora abbondano le piogge, i cieli grigi e le gemme gonfiano e i fiori si aprono nei “ritagli di sole”

Dopo il nocciolo, ecco la fioritura del CORNIOLO mentre si prepara a fiorire il Prunus cerasus

Cornus mas, corniolo- fiorito in questi giorni al Parco Pan

Cornus mas, corniolo- fiorito in questi giorni al Parco Pan

LA FIORITURA ANTICIPATA DEL GELSOMINO GIALLO da dicembre 2015. Giardino di Freto Modena

da dicembre a oggi, alcuni fiori sbocciati, altri boccioli pronti ad aprirsi.

da dicembre a oggi, alcuni fiori sbocciati, altri boccioli pronti ad aprirsi.

 

Non è la prima volta che  vedo il gelsomino giallo fiorire d’inverno.

Già in novembre mi era capitato di vedere in  un altro giardino, il gelsomino fiorire un po’, per poi completare la piena fioritura in febbraio. Molti boccioli ora sembarno pronti ad aprirsi fra pochi giorni, ma siamo  al 12 gennaio, in pieno inverno anche se il freddo invernale ancora non ci ha raggiunto e  ieri addirittura c’è stato un vento caldo e, per qualche ora,  abbiamo avuto anche 15 gradi!!

Anche le gemme dell’ Acero saccarino sono gonfie.

FESTA DEGLI ALBERI:Come l’albero si avvantaggia della morte. Fisiologia in prosa letteraria di Ritadeglialberi

Inverno 2015

(Testo per un progetto fotografico su Villa Sorra)

L’ albero si avvantaggia della morte

quando uccide deliberatamente i suoi tessuti

che devono funzionare da vasi

portanti l’acqua.

Quando uccide buona parte dei suoi tessuti interni che portavano linfa,

per farsi uno scheletro.

Quando uccide una parte dei tessuti più esterni per farsi uno scrigno

dei suoi frutti o semi.

Tessuti morti che servono alla vita

e morti si aprono all’ultimo momento prima di cadere a terra

o si faranno rompere con un aiuto da un altra specie

Ancora tutto è unito nell’albero

e noi, del suo futuro

già nella sua memoria

 

 

 

DIARIO FENOLOGICO : La fiera del bianco nel giardino di freto e dintorni dall’ 1 al 15 maggio

Bianco come la ROBINIA PSEUDOACACIA, il SAMBUCO, il CORNUS SANGUINEA, il VIBURNUM OPULUS,Il VIBURNUM LANTANA Il COTONEASTER, il CRATAECUS giapponese, il PHILADELPHUS…
Non avevo mai notato tanto bianco contemporaneamente. La robinia ha un po’ ritardato rispetto agli altri anni, e dopo le rosacee che avevano anticipato, le  api sembravano trovare poco, ma ecco l’esplosione dei bianchi, mentre la selene  arriva sulle aiuole tra i fiori, non voluta e pure bianca…

Oltre il bianco le Peonie e anticipano lo sbocciare le rose, pur se potate.

Nel nostro giardino la rosa antica “spectinata” a cinque petali e di un delicato rosa è fiorita e fiorente, è fiorita una rosa bianca di cui non ricordo il nome e infine il roseto “Cardinale Richelieu” con tante rose viola scuro. E sono fiorite le paesaggistiche… Ma tutto questo colore fino ad oggi ha galleggiato nel bianco, si nel bianco cotone dei pappi del pioppone  che ha ricopero tutto… ma oggi è venuta la pioggia e l’incanto dei piumini dappertutto come in una pallina di vetro è per fortuna finito.

Ha disseminato il pioppo: non  se ne poteva più…

 

giardino di Freto Modena: prato imbiancato dai pappi del pioppo

 

DIARIO FENOLOGICO DEL 20 MARZO 2015 A MODENA NEL GIARDINO DI FRETO. NEL PARCO PAN QUALCHE FIORE SU UN GIOVANE CORNIOLO

FIORITURE UN PO’ IN RITARDO RISPETTO ALL’ANNO SCORSO MA TRA UNA PIOGGIA E L’ALTRA LA PRIMAVERA AVANZA

COMPLETATA , ANZI ESAURITA LA FIORITURA DELL’OLMO, DELL’ ACERO SACCARINO.

INIZIA A FIORIRE L’ALBICOCCO ED E’  IN BOCCIOLI LA SIEPE DI PRUNUS  E L’ALBERO DI PRUNUS PISSARDI APPENA MESSO A DIMORA, NEL PRATO CONTINUA  A FIORIRE LA CALTHEA PALUSTRE, LA VIOLA COMUNE, LA MARGHERITA, LA PRIMULA. COMINCIA AD ALZARSI RISPETTO AL TAPPETO VERDE IL LAMIUM, SI PREPARANO I RANUNCOLI E I TULIPANI.