I cavalieri degli alberi abbraccianti

Per tutte le bambine e i bambini e per tutti gli adulti ancora bambini che intendono vedere nelle loro città , prima di morire, magari da vecchissimi, un albero, almeno uno solo “integrale” e cioè lasciato a crescere come crescerebbe in un vasto spazio indisturbato e cioè, verso l’alto, da tutti i lati e verso il basso, con grandi rami che magari arrivano quasi a terra tanto che i bambini (del domani) ci potranno salire. Un platano per esempio come quello di Koss in Grecia.

Vogliamo intraprendere una vara battaglia pacifica ma determinata a conquistare l’intoccabilità almeno di un qualche albero nei nostri parchi.

Ho visto giardini scolastici dove tutte le chiome degli alberi sono alzate a tre quattro metri, come si fa a studiare gli alberi coi bambini?

Come si fa a toccare gli alberi? Come si fa a conoscere le diverse espressioni e i portamenti se continuamente li potiamo?

Si può chiedere di fare una qualche eccezzione?

Ora nei parchi di più recente costruzione ,  ci sono alberi finalmente dalla bassa ramificazione, ma saranno mantenuti così anche in futuro? Vogliamo esserne sicuri?

il platano di Koss

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *